6 May 2020 Dicono di noi

Il Santa Maria d'Arco sul Venerdì di Repubblica

Grazie a Paola e Gianni Mura della Rubrica "Mangia e Bevi" del Venerdì di Repubblica per le belle parole scritte sul nostro Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore "Santa Maria d'Arco".

Ecco l'articolo completo:

Parliamo di un Verdicchio Classico Superiore dei Castelli di Jesi, di quel 10 per cento che la famiglia Ceci destina all'imbottigliamento. Il restante 90 viene venduto sfuso, in damigiane portate a domicilio anche lontano da Jesi: in Piemonte, Lombardia, Veneto. "Direttamente da chi produce a chi beve" è il motto. Enrico Ceci e sua moglie Nazzarena, attivissima Donna del vino, con l'appoggio dell'enologo e amico Alberto Mazzoni, sono i motori dell'azienda, che ha radici nell'Ottocento: 18 ettari di cui 9 a vigna (Verdicchio, Montepulciano, Sangiovese), con età dai 4 ai 60 anni. I figli, Daniele e Mauro, danno una mano quando possono, ma hanno un altro lavoro. Oltre al vino, nel listino olio e grappa. In cantina molto inox, ma anche vecchie, grandi botti di papà Guerrino e dei nonni. Il Santa Maria d'Arco matura un anno in inox e qualche mese in vetro. E' bianco di carattere, buona struttura, dura nel tempo evolvendosi in complessità. Al naso fiori bianchi (acacia, biancospino) e frutti (ananas, mela verde, pera, mandorla). Sorso fragrante, pieno, ben equilibrato. Ad Alessandria da Mezzo Litro, a Milano da Diapason, a Senigallia (Ancona) da Galli, sui 10/12 euro.

This site uses cookies technicians and own and third-party profiling for its functionality and to send you advertising and services in line with your preferences.
By closing this banner, scrolling through this page or by clicking any element its consent to the use of cookies.